FAQ: Domande frequenti su ESTA

Informazioni importanti sui viaggi in USA

Visto ESTA

Un Visto per gli USA, cioè un Visto ESTA, approvato non da la sicurezza assoluta di ingresso negli Stati Uniti. Al momento dell’arrivo sarà un agente del Customs and Border Protection a determinare l’idoneità o meno del viaggiatore all’ingresso ai sensi del Visa Waiver Program o per qualche altra ragione come previsto dalle leggi degli Stati Uniti.

Ai sensi delle "Raccomandazioni del Commission Act 9/11 del 2007" (9/11 Act), emendate nella Sezione 217 dell'Immigration and Nationality Act (INA), al Department of Homeland Security (DHS) si fa carico di mettere in atto un sistema elettronico di autorizzazione al viaggio e altre misure mirate a migliorare la sicurezza del Visa Waiver Program. ESTA rappresenta un ulteriore livello di sicurezza che permette al DHS di determinare se un individuo, prima del suo arrivo negli Stati Uniti, è idoneo all'ingresso nel Paese sulla base del Visa Waiver Program e se egli rappresenta un rischio per le autorità o la sicurezza.

Differenza tra Esta e Visto USA generico

ESTA o Visto USA Standard  quale richiedere?

 

Prima del 2009 tutte le persone che dovevano recarsi nesti Stati Uniti, indipendentemente dallo scopo e dalla durata del viaggio, dovevano richiedere un visto USA tradizionale, presso le autorità americane, recandosi di persona alle ambasciate o ai consolati. Le autorità Americane, hanno poi deciso di semplificare la procedura di ingresso negli USA, introducendo l'autorizzazione elettronica ESTA, che può essere richiesto dai viaggiatori in possesso di passaporti rilasciati da determinati paesi (vedi guida ESTA). Un'autorizzazione al viaggio ESTA non è un visto, anche se spesso  ci si riferisce ad essa come visto USA, o Visto ESTA. Non soddisfa i requisiti legali che sostituiscono un visto rilasciato dagli Stati Uniti per scopi diversi dal turismo o da business generici.

L'autorizzazione al viaggio ESTA è una richiesta elettronica che va inoltrata esclusivamente online, compilando l'apposito modulo di domanda ESTA, rispettando determinate condizioni:

  • Essere cittadino  di uno paese membro del dispositivo ESTA come l’Italia (Sono 38 i paesi che fanno parte del dispositivo chiamato anche Visa Waiver Pogram. I cittadini di questi paesi possono fare domanda per un’autorizzazione ESTA)
  • La durata della permanenza sul suolo americano non può superare i 90 giorni consecutivi
  • Si deve disporre di un passaporto biometrico o elettronico in corso di validità.

Quando una domanda ESTA viene accettata, ai suoi titolari viene rilasciata un’autorizzazione a poter viaggiare. L' ESTA ha una validità di 2 anni,  e con la possibilità di ingressi multipli negli USA, cioè i possessori di un’autorizzazione ESTA non devono presentare una nuova domanda ogni volta che devono recarsi negli Stati Uniti dato che un’autorizzazione ESTA dà loro diritto ad un numero illimitato di viaggi, rispettando la regola dei tre mesi consecutivi, infrazione questa che può portare a conseguenze negative in vista di future domande ESTA o di visto generico.

Se si ha l'esigenza di periodo di permanenza superiore ai 3 mesi o se il pese di cittadinanza non rientra nel VWP per la richiesta dell' ESTA, allora è necessario ottenere un Visto USA tradizionale.
I due tipi di visto più comuni sono:

  • Visto USA B1 Business.
  • Visto USA B2 turistico.

Entrambi i visti possono essere concessi per un periodo che va da 1 a 6 mesi consecutivi. A differenza dell’ ESTA, questi visti non danno la possibilità di molteplici ingressi. Il procedimento per una richiesta di Visto Usa tradizionale, prevede un iter burocratico più complesso rispetto al' ESTA. Sarà necessario presentare una documentazione cartacea, ed avere un colloquio personale con un funzionario dell'immigrazione presso l'ambasciata o il consolato Americano più vicino.

Se ti rechi negli Stati Uniti d'America per vacanza o business, e pensi di restare sul suolo americano fino ad un massimo di  3 mesi e se sei cittadino di un paese che fa parte del VWP allora puoi richiedere ESTA direttamente onLine, con approvazione immediata, senza altri percorsi da affrontare.

 

 

Modulo ESTA

Le autorità competenti hanno già iniziato a operare seguendo le nuove rigide disposizioni che permettono di entrare nel paese, stabilite dal Congresso degli Stati Uniti in data 18/12/2015. Il modulo per l’applicazione ESTA è stato conseguentemente modificato.

I viaggiatori che a partire da 01/03/2011 hanno soggiornato in Iran, Iraq, Sudan o Siria, non potranno più viaggiare negli USA avvalendosi dell’applicazione ESTA. Anche chi possiede la doppia cittadinanza di uno di questi paesi, non potrà più viaggiare negli USA servendosi dell’applicazione ESTA. Tutti i viaggiatori che possiedono la doppia cittadinanza di uno dei paesi sopra citati, dovranno aggiungere nell’applicazione ESTA le informazioni riguardanti il secondo passaporto (per esempio data d’ emissione e di scadenza, come lo si ha ottenuto etc).

I viaggiatori che fanno parte del gruppo di persone coinvolte e che già possiedono un’applicazione ESTA valida, non potranno più viaggiare negli Stati Uniti senza il visto. L’applicazione ESTA già esistente e autorizzata infatti non sarà più valida. Quindi nel caso in cui si stia organizzando un viaggio negli USA, sarà opportuno considerare bene i tempi di esecuzione dal momento che sarà necessario richiedere il visto turistico per gli USA.

Le modifiche apportate interessano tutti i viaggiatori che intendono visitare gli USA, non solo i cittadini delle nazioni sopra citate. Chi viaggia mediante l’applicazione ESTA, dovrà prendere in considerazione controlli più rigidi e lunghi.

Turisti e uomini d’affari che a breve viaggeranno negli USA, dovranno presentarsi all’aeroporto con almeno 3 ore di anticipo. Per effettuare il check - in senza difficoltà, sarà opportuno apprendere con esattezza le condizioni di viaggio, soprattutto informarsi sugli oggetti che si possono trasportare nei bagagli a mano.

Le modifiche legislative effettuate sono state rese necessarie in seguito all’aggravarsi delle condizioni di sicurezza attuale. Gli attentatori di Parigi possedevano passaporti europei e per loro non sarebbe stato un problema entrare nel territorio statunitense. Inoltre sempre più cittadini europei simpatizzano con le idee estremiste dello Stato Islamico (ISIS). Spesso questi individui viaggiano nelle zone occupate dallo Stato Islamico per farsi addestrare e per combattere per gli stessi terroristi. Le nuove norme servono quindi a impedire a tali individui di entrare facilmente nel territorio degli USA.

Consigli:

  1. Controllate il vostro status dell’applicazione ESTA prima di viaggiare negli USA!

  2. Recatevi all’aeroporto almeno 3-4 ore prima della partenza!

  3. Per i voli che prevedono uno scalo negli Stati Uniti: pianificate sufficiente tempo per non perdere il volo di coincidenza.

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione sul nostro sito web. Chiudendo questo banner o continuando a navigare sul nostro sito, acconsenti all’uso dei cookies. Per maggiori informazioni leggi la nostra politica sui Cookies.